10 febbraio 2015

Crostata con marmellata di more





Partiamo dal fatto che abitando a Vighizzolo le farine della linea Petra di certo non mancano nella mia dispensa.  Avevo della meravigliosa Petra 9 (che io considero uno spettacolo) versatile ed ottima per qualsiasi preparazione la si voglia utilizzare dal dolce al salato, aggiungiamo che nel periodo estivo raccogliamo le more di gelso nero che crescono sugli argini dei canali che circondano la zona dove abito, per poi farne una meravigliosa marmellata ne esce una crostata dal sapore di una volta. Fortunatamente a casa mia più il gusto è rustico più la preparazione viene apprezzata.

INGREDIENTI (dosi dimezzate):
500 gr di farina PETRA 9;
300 gr di burro;
200 gr di zucchero a velo;
80 gr di tuorli;
0,25 gr di baccelli di vaniglia;
0,5 gr di scorza di limone;
1 gr di sale.

PROCEDIMENTO PER LA PASTA FROLLA:
Mettere nella ciotola dell’impastatrice, utilizzando la foglia, la farina, il burro a pezzetti a temperatura ambiente, il sale, la scorza del limone e i semi del baccello di vaniglia, azionare l’impastatrice e far sabbiare il composto cioè fino a quando il tutto assumerà un aspetto granuloso. Aggiungere, poi, lo zucchero a velo setacciato, e i tuorli. Appena si sarà formato l’impasto, toglierlo dalla ciotola e formare un panetto che si avvolgerà con della pellicola trasparente e si farà riposare in frigorifero per almeno 30 minuti (io consiglio anche 1 ora).

COMPOSIZIONE della crostata:

Togliere il panetto di pasta frolla dal frigorifero, spolverare il piano di lavoro con della farina, stendere con il mattarello la frolla fino allo spessore che più desiderate, foderate una tortiera del diametro di 22 c, bucherellate il fondo e versate la marmellata. Tagliate delle strisce di rolla e mettetele sopra la crostata e formate una griglia, infornate a 180-190 gradi per circa 20 minuti o fino a quando la pasta della crostata sarà leggermente dorata in superficie. Togliere dal forno e lasciare raffreddare. Per un tocco più elegante, spennellate il dolce con della gelatina neutra che lo renderà lucido.


 Alla prossima... Marianna.


Nessun commento:

Posta un commento